brace brace brace


La rabbia di Bersani
9 giugno 2010, 18:00
Filed under: Politica


Pierluigi Bersani ogni tanto ci regala almeno qualche sacrosanta incazzatura, da quella esplosa ad Annozero nella puntata del 29/04/2010 («Arrivano i nostri?») in cui ha fatto credere per un momento a milioni di persone, in silenzio di fronte alla sua indignazione, che il Pd fosse un partito che «meritava rispetto»; ma anche nella puntata del 03/06/2010 («L’ombrellone») con il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, richiamato con durezza per l’arroganza con cui snocciolava le sue menzogne.

Il Pd non sembra cambiato sotto la sua segreteria, e non ha dato il minimo contributo per la costruzione di un’opposizione nel Paese. Ma almeno per quella che Gramsci chiamava la «connessione sentimentale» di un leader con il proprio popolo, questi sussulti di autenticità alleviano anche solo per un istante il senso di completa impotenza che ci taglia le gambe. Nessuno potrà negare che se tornassero Dario Franceschini o, miserere, Walter Veltroni, non ci sarebbe semplicemente più nulla da fare. Anche per chi ha sempre votato alla sinistra del Pd: la depressione è contagiosa.

Andrea Tornago

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: