brace brace brace


Fabrizio Gifuni e l’errore del Pd
21 giugno 2010, 17:03
Filed under: Politica

Andrea Tornago

Fabrizio Gifuni è stato contestato alla convention del Pd per essersi rivolto alla platea con un liberatorio «compagni e compagne». Ma non è stato solo questo il suo errore, quanto piuttosto l’aver fatto un discorso di sinistra a un partito che non è e non vuole essere di sinistra.


Sarebbe ora che artisti, intellettuali, giornalisti e cittadini la smettessero di prendere il Partito Democratico per quello che non è: l’evoluzione diretta, erede delle trasformazioni riflessive ed autocritiche, del Pci. Citare Pier Paolo Pasolini e Giovanni Falcone è semplicemente fuori luogo: sono tutte persone, voci ed exempla che non appartenevano nemmeno al Pci e al Pds, figuriamoci al Pd.

Gifuni ha sbagliato. Con la sua presenza, con la sua popolarità, con il suo discorso appassionato ha dato nuova linfa alla confusione che immobilizza il panorama politico-sociale dell’opposizione nel nostro paese. Avrebbe dovuto rivolgersi a un altro partito, avendo ben chiaro perché è nato il Pd, chi ne è stato il primo – vergognoso – segretario, quale rapporto ha instaurato, fin da subito, con il Novecento l’ansia di nuovismo di Walter Veltroni, preoccupato unicamente di liquidare in toto l’eredità storica, politica e culturale della sinistra italiana.

Fabrizio Gifuni


Oppure c’è un’altra opzione, altrettanto valida: che il meglio dei nostri artisti, dei nostri intellettuali, di quanti intendono con passione e fatica risollevare il nostro paese dalla melma in cui è caduto si uniscano, radicalizzino l’impegno, prendano la tessera del Partito Democratico – se lo riconoscono come partito di riferimento – e si dedichino al cambiamento della sua classe dirigente e dei suoi riferimenti politici, storici e culturali. Lo trasformino in un partito realmente degno di rispetto, non solo perché lo dice il suo segretario Pierluigi Bersani ma perché animato, guidato e rappresentato da autentiche istanze di riscatto e di cambiamento.

Per ora è solo un partito in cui i dirigenti sono ancora gli uomini peggiori del vecchio Pci; e i giovani, che dovrebbero rappresentarne la possibilità di perfezionamento, chiedono formalmente a un attore di «non utilizzare le parole “compagni”, “festa dell’Unità” perché non rientrano nel nostro pensare politico e facciamo fatica ad accettarle». Il peggio del passato unito al peggio del futuro, equivale soltanto al peggio del peggio del presente.

Annunci

3 commenti so far
Lascia un commento

A me l’intervento è piaciuto tanto. Se non l’hai visto ti consiglio “Sole negli occhi”, diretto da Porporati. Per me grandissimo film.

Commento di Luca

Giufuni non è stato affatto contestato dalla platea Pd, anzi ha ricevuto ovazioni

Commento di marco quaranta

Sono molto d’accordo! Il fatto triste è anche che i presenti esultano al “compagni e compagne”, mentre la dirigenza del partito inorridisce… Personalmente, trovo che il termine “compagno” sia di grande forza, di grande bellezza, e che sia l’ultima cosa di cui potersi vergognare: vergognoso vergognarsene o contestarlo…

Commento di steffanpaulus




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: