brace brace brace


La generazione dell’esubero
21 luglio 2010, 11:20
Filed under: Politica

Andrea Tornago

Costretti a bere il mercato fin dal latte materno, immersi in una scuola-azienda colma di debiti, crediti, progetti e dirigenti, promossi in un’università in cui convivono il peggio del familismo e della mentalità aziendale, signore e signori ecco a voi la «generazione perduta», i «ragazzi dall’età indefinita» di cui si sta occupando Repubblica con le sue inchieste.

generazione dell'esubero

generazione dell'esubero

Privati di qualsiasi altro riferimento simbolico che non sia il libero mercato, la mentalità contabile, il rapporto virtuoso costi-ricavi, l’ossessione per il curriculum competitivo, sono però anche i più esclusi dal mondo reale della free economy, tenuti ai margini del mercato del lavoro che conta, resi impotenti dal blocco del turnover, costretti a impegnarsi in lunghissimi stage non retribuiti al termine dei quali riceveranno solo un benservito, o perduti nell’intricato labirinto dei lavoretti di ripiego.

Solo il 6 per cento trova un contratto a tempo indeterminato, gli altri rimangono sulla porta, fingendosi indifferenti o soddisfatti dal lavoro flessibile che hanno trovato, oppure investendo ancora di più in una formazione infinita che non ha per scopo l’arricchimento dell’esperienza per la vita, ma la triste speranza di piacere a qualche human resources manager.

Questa generazione l’ingenuità l’ha messa in un cassetto già dalle scuole medie, insieme al sogno di intraprendere percorsi bizzarri: artisti, sportivi, musicisti, filosofi, astronauti mancati non fanno parte della «generazione dell’esubero», come la chiamerebbe Zygmunt Bauman, fin troppo consapevole di potersi giocare poche carte e impegnata solo ad avere in mano almeno un mazzo vincente.

È una generazione che ha imparato fin troppo bene le regole del gioco, ossia la crudele giostra in cui

bisogna correre con tutte le forze semplicemente per rimanere sempre allo stesso posto, a debita distanza dalla pattumiera dove altri sono destinati a finire (Z. Bauman, Vita liquida)

e che non accetterà ancora per molto di restare fuori dall’unico mondo possibile in cui ha imparato a muoversi e sul quale ha costruito la sua misura.

Lo sappia la classe dirigente di questo paese, che questa generazione di medici, avvocati, architetti, ingegneri senza scrupoli e senza lavoro, insieme alla generazione precedente con la sua armata brancaleone di laureati in lettere e filosofia, storia, antropologia, Dams, scienze della formazione che ha imparato a suon di sconfitte a diventare cinica e spietata come i propri colleghi più giovani, presto presenteranno il conto di questa dispendiosa e seccante esclusione. Allevare piranha a propria immagine e somiglianza e poi lasciarli a innervorsire senza cibo è rischioso e come tutti i tentativi di tirare troppo la corda, forse sfuggerà di mano agli ingrassati e vecchi affaristi che si credono proprietari dell’Italia intera.

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

brividi. Da un emigrato semivolontario laureato in lettere, passato da 4 anni di contratto a tempo indeterminato a contratto a progetto da un giorno all’altro quando gia’ avevo 33 anni. Emigrato in Inghilterra dove la carta d’identita’ non va sul curriculum in 3 anni da nulla sono diventato manager. E ancora non comprendo se gli imprenditori del belpaese siano dilettanti o criminali. Ma la pagheranno. Me la pagheranno.

Commento di davide corradi




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: