brace brace brace


Brescia ascolta i migranti, insieme a Dario Fo e Franca Rame

Brescia incontra i «ragazzi della gru». Dario Fo e Franca Rame sul palco

Andrea Tornago

Ascolta le registrazioni audio della serata, a cura di brace brace brace

Parliamo con loro (foto Alessandra Mor)

Parliamo con loro (foto Alessandra Mor)

L’articolo è uscito sul Bresciaoggi di mercoledì 08-12-10, lo riproponiamo qui con alcune integrazioni

Vedi anche l’intervista a Dario Fo (ascolta l’audio):

A tre settimane dalla discesa dei quattro immigrati saliti sulla gru del cantiere Metrobus, Brescia incontra i protagonisti di una protesta che ha tenuto i riflettori nazionali puntati a lungo su via San Faustino.

Arun, Jimi, Sajad e Rachid arrivano all’auditorium della scuola media Bettinzoli nell’ambito dell’iniziativa «Parliamo con loro» organizzata dal «Presidio sotto la gru», e la sala è talmente piena che gli organizzatori sono costretti a chiudere le porte già prima dell’inizio. Troppe persone, quasi un migliaio, assiepati sulle scale e sotto il palco, persino riunite a crocchi nel giardino ad ascoltare quantomeno la voce degli oratori, tra cui spicca naturalmente l’eccezionale presenza del premio Nobel Dario Fo accompagnato dall’inseparabile Franca Rame. C’è anche Manlio Milani, presidente dell’associazione delle vittime di Piazza Loggia.

Non è la prima volta che gli immigrati della gru parlano in pubblico: Arun e Jimi, più eloquenti dei compagni, erano già intervenuti ai microfoni di Radiopopolare a Milano, e Arun aveva persino letto un «elenco» in prima serata su Raitre a Vieni via con me. Ma Brescia era rimasta refrattaria, chiusa, forse provata dagli eventi di quei giorni. Fino a ieri sera.

L'auditorium della scuola "Bettinzoli" (foto Alessandra Mor)

L'auditorium della scuola "Bettinzoli" (foto Alessandra Mor)

L’incontro comincia con la proiezione di un video che ripercorre gli eventi di ottobre e novembre scorsi e lancia un nuovo appuntamento, una manifestazione a Brescia per l’11 dicembre. Poi le luci di scena calano e l’attrice Barbara Pizzetti legge alcuni messaggi di solidarietà mandati a Radio Onda d’Urto: «Il vostro gesto fa tremare chi ha imparato a tenere gli occhi bassi» è un verso della poesia scritta da «Donne sotto la gru»; «Grazie di essere venuti nel nostro paese e di aver scelto Brescia», ci tiene a dire Elena.

Poi prende la parola Jimi: il ragazzo egiziano di 25 anni racconta la sua storia, come è entrato in Italia da clandestino e quanto ha sperato, dopo due anni senza poter nemmeno farsi vedere in un ospedale, di potersi regolarizzare nel 2009: «Ho pagato in tutto 6200 euro, tra contributi e sanatoria – dice Jimi – e non ho cercato di fregare nessuno. Se ci fosse stato un cane, lassù sulla gru, in 12 ore avrebbero fatto di tutto per lui, l’avrebbero aiutato». «Siamo lavoratori – gli fa eco Arun – non ladri o delinquenti. Ma se vogliono fregarci ancora, ci sono tante cose da occupare».

Quando Dario Fo e Franca Rame salgono sul palco l’ovazione è generale: Franca racconta una storia analoga accaduta negli anni ’70 «ma allora tutta Milano ebbe il portafogli e il cuore in mano per aiutare chi era in difficoltà»; Dario invece ricorda le origini di Brescia nel ‘500, citando un vecchio editto della nostra città: «Quando un uomo batte alla porta inseguito dagli sgherri, tutto ciò che gli chiediamo è se sa e vuole lavorare con noi». Seguono gli interventi del prof. D’Andrea, dell’avvocato Vicini, di Edda Pando e di padre Storgato, e la musica di Isaia e l’Orchestra di Radio Clochard a siglare una grande serata di partecipazione civile.

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

Questo blog è sempre più bello.

Commento di M.O.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: