brace brace brace


Una nuova discarica rifiuti speciali a Rezzato

Brescia, la pattumiera più ricca d’Italia


Il progetto di una nuova discarica di rifiuti speciali a Rezzato, in provincia di Brescia. 2 milioni di metri cubi di rifiuti da stoccare in otto anni. Transito di 92 mezzi pesanti al giorno. E tra i rifiuti: terreni contaminati, vernici, carcasse animali, percolato.


Non basta il livello inquietante di morti di cancro che si registra nella zona sud-est di Brescia a convincere gli amministratori locali, dai comuni alla Provincia alla Regione Lombardia, a bloccare i progetti delle nuove discariche nel capoluogo lombardo.

Se il progetto approvato pochi giorni fa non troverà opposizione, arriveranno a Brescia da tutta Italia due milioni di metri cubi di rifiuti speciali come scarti alimentari, carcasse animali, derivati del petrolio e del carbone, rifiuti dell’industria chimica, inchiostri, pitture e vernici, fanghi di fognatura, terreno contaminato.

Il conferimento continuerà per almeno otto anni, e potrebbe confliggere con l’altra grande discarica della zona: quella di amianto di San Polo, in via Brocchi (80 mila metri cubi), cui il Tar ha dato via libera a fine giugno. Nello studio di impatto ambientale si legge, a pag. 92: «In rapporto ai dati relativi alla mortalità…la realizzazione della nuova discarica non comporterà nessuna alterazione significativa rispetto alla situazione attuale rilevata».

Dato che stiamo parlando di una zona in cui la mortalità è estremamente elevata, bisogna dedurne che contribuirà fortemente al peggioramento della salute pubblica dei cittadini. Ascolta l’approfondimento e l’intervista a Valerio Beccalossi del CodiSa (Comitato Difesa Salute e Ambiente):

Annunci

2 commenti so far
Lascia un commento

Come si può fermare tutto questo?
Per altri problemi internazionali avviene una raccolta di firme direttamente su blog (vd greenpeace e aavaz.)

Commento di Elena Tonini

Purtroppo i partiti politici della città sembrano poco appassionati a questi problemi. Il comitato storico che se ne occupa è il Co.Di.S.A di San Polo, ma non hanno un sito internet (se vuoi ti posso dare i contatti con loro). C’è poi il Comitato Spontaneo contro le Nocività, http://bresciacontrolenocivita.wordpress.com/ e su Facebook https://www.facebook.com/group.php?gid=197090668389 Ovviamente poi si muovono anche realtà come Legambiente http://legambientebs.altervista.org/
Credo che contro questo progetto si farà ricorso per vie legali. Purtroppo l’esperienza di Brescia insegna che se non si muovono fisicamente i cittadini, come nel caso della discarica di amianto di San Polo, sono poche le possibilità di fermare progetti che per vari motivi vengono avallati anche in tribunale. Sicuramente a Brescia sarebbe il caso di creare un coordinamento che riunisca in un solo luogo partiti, realtà sociali, comitati, testate d’informazione intorno all'”emergenza sanitaria e ambientale” che affligge la città…spero ci ragioneremo a partire da settembre e se sei interessata, teniamoci in contatto!

Commento di Andrea Tornago




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: